Bollinger, Drappier e Château de Bligny: in Champagne tornano i vecchi autoctoni contro il global warming

  • Pinot Gris (chiamato Fromenteau in Champagne), Pinot Blanc (noto anche come Blanc Vrai nella regione), Arbane e Petit Meslier: sono queste quattro varietà autoctone che Champagne Bollinger sta valutando per reintrodurla nella cuvée della maison, una delle opzioni attualmente studiate per mantenere l’acidità nello Champagne, importante per il carattere del frizzante, ma –  tuttavia – valore in diminuzione negli ultimi 30 anni a causa del surriscaldamento globale.

Secondo quanto riporta theDrinkBusiness,  il winemaker di Bollinger, Denis Bunner, parlando a un seminario sulla sostenibilità a Londra  ha delineato la minaccia e la sua risposta. «Negli ultimi sette anni a Bollinger abbiamo ripiantato le vecchie e dimenticate uve di Champagne, perché oggi ne usiamo solo tre, ma c’erano sette [in uso regolare]» ha detto, riferendosi al fatto quasi l’intero la denominazione è attualmente coperta con Chardonnay, Pinot nero e Meunier, suddivisi approssimativamente in parti uguali.

Tuttavia, la regione consente anche la piantagione di altre quattro uve “dimenticate”, che sono il Pinot Gris (chiamato Fromenteau in Champagne), il Pinot Blanc (noto anche come Blanc Vrai nella regione), Arbane e Petit Meslier, ed è quest’ultimo due che detengono particolare interesse per Bunner a causa dei loro alti livelli di acidità naturale.  Per Bunner «Nel 2018, che è stato un anno molto precoce, con la nostra vendemmia iniziata il 23 agosto con uve molto mature, abbiamo scoperto che le due vecchie varietà, Petit Meslier e Arbane avevano un pH inferiore a 3,0, perché maturano più lentamente».

Da qui la decisione di Bollinger  di piantare nuovi vigneti di queste due uve “perché maturano più lentamente, quindi possono portare freschezza ai nostri Champagne tra 30 anni. Negli ultimi 30 anni a causa del riscaldamento globale l’acidità si è ridotta in Champagne [in media] di 1,3 g / l, e continuerà a diminuire, quindi questi vecchi vitigni potrebbero essere interessanti da utilizzare nuovamente per produrre freschezza. Il problema principale per lo Champagne è la sensazione di freschezza, poiché è difficile mantenere i livelli di acido durante le stagioni di coltivazione molto calde. Il problema della gestione dell’acidità, in particolare il livello di acido malico, arriva con le ondate di calore durante il mese di agosto, che abbiamo avuto nel 2017 e nel 2018.

Questa è più una questione di tempo che di clima, perché se è caldo all’inizio dell’anno, ma fresco ad agosto, allora avremo abbastanza acidità, ma se è caldo durante agosto, allora influenza l’acidità … per i livelli di zucchero , possiamo adattare la data del raccolto, ma è più difficile con l’acidità».

Su scala più ampia, Bunner ha fatto riferimento a un’ulteriore possibile soluzione per sostenere la freschezza dello Champagne di fronte alle estati più calde e che riguarda un progetto dell’Istituto nazionale francese per la ricerca agricola (INRA) e il Comité Champagne. Le due organizzazioni stanno sperimentando incroci di varietà di Champagne con uve ibride, selezionate sia per il loro più lento tasso di maturazione, sia per i maggiori livelli di resistenza alle malattie – quest’ultimo è necessario poiché la regione sperimenta condizioni più calde e umide , che promuovono la diffusione di malattie fungine, in particolare la botrite. Mentre Bollinger sta lavorando con le uve storiche dello Champagne su una base di prova, ci sono altri produttori che stanno già producendo e vendendo bottiglie utilizzando le vecchie varietà della regione.

Tra questi spicca lo Champagne Château de Bligny, che produce la “Cuvée 6 Cépages”, che combina le tre varietà classiche con Arbane e Petit Meslier, e lo Champagne Drappier, che produce il “Quattuor Blanc de Quatre Blancs” , che comprende parti uguali Chardonnay, Arbane, Petit Meslier e Pinot bianco. Quest’ultimo produttore pubblicherà presto anche il suo primo Champagne realizzato con Fromenteau.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather