Vendemmia “corta” in Champagne a causa del global warming

L’ondata di calore di questa estate porterà ad una riduzione della vendemmia in Champagne di circa il 20%. Sebbene le rese nella regione siano ufficialmente limitate dal Comité Champagne, che governa tutti gli aspetti della produzione nella denominazione, la vendemmia di quest’anno sarà  limitata dalla natura, non dall’uomo. A fronte di una resa massima per quest’anno fissata a 10.200 kg / ha (in calo del 5,5% rispetto allo scorso anno di 10.800 kg / ha), si ritiene che i coltivatori potrebbero non raggiungere questo livello ridotto a causa delle condizioni di ondata di calore durante l’estate .  Lo chef-de-cave di Bollinger, Gilles Descôtes (nella foto) ha descritto la raccolta come “molto piccola”, aggiungendo che   i produttori di tutta la regione difficilmente raggiungeranno il limite fissato dal Comité Champagne: ad esempio, i vigneti di Bollinger , che ammontano a poco meno di 180 ettari, hanno subito un calo della resa di quasi il 20%.

Il raccolto di quest’anno, ha sottolineato Descôtes, secondo quanto riporta theDrink business, è in netto contrasto con le condizioni dello scorso anno, quando le rese erano naturalmente molto elevate, con alcuni vigneti in grado di produrre fino a 20.000 kg / ha. «Ci aspettavamo di avere 11.500 kg / ha, ma con il gelo in primavera, quindi grandine, poi tempeste e muffa – che ha influenzato parte del nostro Chardonnay – e quindi il caldo, possiamo prevede di raggiungere i 9.500 kg / ha ”, con un calo di quasi il 20%. Il fattore più negativo è stata l’ondata di calore,  le temperature hanno raggiunto i 43 gradi Celsius all’inizio di agosto, causando il restringimento delle bacche».

Descôtes ha anche affermato che la raccolta sarà “molto veloce” – a causa dell’elevato livello di maturità e dei bassi raccolti – con la maggior parte dei produttori che inizierà  a raccogliere l’uva bianca dalla fine di questa settimana e l’uva rossa dall’inizio della prossima (anche se la raccolta è iniziata per i “premier cru” questo lunedì).  Per quanto riguarda la qualità della vendemmia, Descôtes ha espresso il suo ottimismo per quanto riguarda il potenziale di Bollinger, a causa delle condizioni ideali di vendemmia  previste per i prossimi 10 giorni e dell’elevato livello di zucchero e acido tartarico nelle bacche.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather