I vigneti australiani contano i danni degli incendi. Colpite gravemente le Adelaide Hills. Già persi 2mila ettari

Anche se gli incendi sono una componente  dell’ambiente australiano, tanto che molte piante hanno adottato specifiche tecniche di sopravvivenza, sta suscitando vasta impressione la sequenza di incendi che ha colpito tutta l’Australia, uccidendo 25 persone e una quantità sbalorditiva di fauna selvatica (le stime recenti includono mezzo miliardo di animali selvatici). I peggiori incendi sono lungo le aree costiere orientali e meridionali in cui risiede la maggior parte degli Aussie. Finora, 8 milioni di ettari  di foreste (in larga parte formate da  piante di eucalipto e bush), parchi e boschi australiani sono stati devastati. Una superficie imponente (il doppio degli incendi combinati di Siberia ed Amazzonia nel 2019), ma limitata se si pensa agli 769 milioni di ettari della superficie complessiva dell’Australia ed ai 38 milioni di ettari di praterie che prendono fuoco ogni anno sempre nel centro-nord dell’ Australia.

Le regioni vinicole del Queensland, del Nuovo Galles del Sud, dell’Australia meridionale e del Victoria sono state tutte colpite. Questo include Hunter Valley, Canberra, Rutherglen, Gippsland e Adelaide Hills. Tutti i produttori prevedono un’annata incerta del 2020, poiché gli effetti del fumo e del calore sul raccolto di quest’anno rimangono sconosciuti. Un reportage di Christina Pickard per “Beverage Industry Enthusiast” ha fatto un primo conteggio dei danni.  

La regione vinicola di Adelaide Hills, nel sud dell’Australia, è stata la regione vinicola più colpita del paese. Il 20 dicembre, quando le temperature sono salite a 43,9 ° , una sospetta linea elettrica abbattuta ha dato origine ad un incendio a Cudlee Creek che rapidamente ha avvolto tra i 2.718 e 2.965 acri dei vigneti della regione, distruggendo circa il 30% della produzione di Adelaide Hills .

L’incendio di Cudlee Creek ha colpito più di 60 coltivatori e produttori nelle Adelaide Hills. Vinteloper, Tomich Wines, New Era Vineyards, Golding Estate e Barristers Block sono state tra le cantine che hanno subito il danno più grave. Un gran numero di quelli colpiti, tuttavia, erano viticoltori che le loro uve a più vinificatori.  «Quando ho visitato la vigna dopo che il fuoco è passato, sono rimasto così scioccato… Per diversi giorni non sono riuscito a elaborare quello che era successo» afferma James Tilbrook, proprietario della Tilbrook Estate a Lobethal, situata nel cuore della regione. Il novanta percento del vigneto della tenuta è stato bruciato, insieme alla sua cantina, capannoni, attrezzature e stock di vino.

L’omonima cantina di Stephen e Prue Henschke è una delle più apprezzate dell’Australia. Mentre i loro vigneti dell’Eden Valley non sono stati toccati dal fuoco, la distruzione delle loro viti di Adelaide Hills ha conseguenze storiche. «L’incendio ha colpito alcune delle viti più antiche della regione – afferma Prue Henschke -.  Stavano per raggiungere i 35 anni di anzianità delle viti (target per poter essere designati” Old Vine “). Non sappiamo se avremo ancora bisogno di ripiantare le viti, lo sapremo solo col  tempo».

Il colpo finanziario all’industria del vino di Adelaide Hills è già significativo. Jared Stringer, vicepresidente dell’associazione industriale della regione vinicola di Adelaide Hills, ha dichiarato a The Guardian che la regione ha perso 20 milioni di dollari.

I vigneti di Henschke a Lenswood, una sottoregione nella parte centrale delle colline, producono in genere il 25% della produzione di uva dell’etichetta. Ma per il 2020, il suo contributo sarà pari a zero”, afferma Stephen. Per ora, i coltivatori e i produttori delle Adelaide Hills si stanno concentrando sul triage, salvando le viti gravemente danneggiate attraverso una potatura intensiva e ristabilendo le linee di irrigazione per riportare l’acqua nella terra bruciata. Si affidano ai volontari per rimetterli in funzione.

«Abbiamo avuto oltre 70 volontari, compresi gli operatori commerciali che aiutano» afferma Tilbrook. “È stato un lavoro mastodontico e sono sfinito.  Vado a vuoto tra frustrazione, rabbia, umiltà, apprezzamento, gioia, lacrime, speranza e vuoto, ma soprattutto sono molto stanco. Allo stesso tempo, sono triste per tutte le persone colpite dagli incendi e molto triste per tutti gli splendidi animali che hanno perso la vita»  dice.

Nei prossimi anni, si prevede che la carenza di uva invierà i prezzi attraverso il tetto e avrà un impatto su tutta la regione.  «Il flusso sull’effetto di un disastro come questo sarà avvertito da molti e per gli anni a venire»  afferma Kerry Treuel, dirigente della regione vinicola di Adelaide Hills.  Prue Henschke suggerisce di ripensare l’infrastruttura della linea elettrica della regione. «Dobbiamo mettere sottoterra un’infrastruttura così pericolosa – afferma -. Dobbiamo anche considerare i cambiamenti climatici come un grosso problema per l’agricoltura in tutto il mondo. I coltivatori si stanno radunando per condividere le conoscenze per aiutare il recupero, mostrando uno spirito di comunità stimolante e una capacità di riprendersi da questo – aggiunge – afferma Prue.  Con il senno di poi, possiamo ricostruire ed essere più preparati per il futuro.”

Come aiutare

 “L’Australia sta soffrendo a causa degli incendi, ma siamo aperti agli affari – conferma Tony Battaglene, CEO dell’ente australiano per l’uva e il vino – .  Abbiamo bisogno di donazioni ai fondi di soccorso, il supporto per i nostri servizi di emergenza, e ai consumatori di acquistare il nostro vino e visitare le nostre regioni. E ‘importante notare che la stagione degli incendi non è finita e il nostro sollievo temporaneo non può ultimo».

Qui, tre realtà  cui poter fare donazioni per aiutare le persone colpite dagli incendi.

Adelaide Hills Wine Region Fire https://www.adelaidehillswine.com.au/fireappeal

Australian Red Cross Disaster Recovery and Relief

Port MacQuarie Koala Hospital

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail