Champagne, nel 2019 le consegne scendono sotto la soglia di 300 milioni di bottiglie. Ma si prevede un nuovo record di fatturato

Le consegne di champagne sono calate nel 2019 di 4,5 milioni di bottiglie: una contrazione dell’1,5% a 297,4 milioni di bottiglie, attestandosi così al livello più basso dalla crisi finanziaria globale del 2008.

Con un totale previsto di 297,4 m di bottiglie per l’ultimo anno, la regione è scesa al di sotto di una cifra annuale simbolica di 300m, un evento che non si è più verificato dal 2009, quando il numero di unità spedite era sceso a 293 m a seguito dell’impatto del crollo economico mondiale, avviato dal fallimento di Lehmann Brothers nell’ottobre 2008 . Secondo le prime stime del Comité Champagne, la cifra sopra indicata indica che si ritiene che la regione abbia spedito 4,5 milioni di bottiglie in meno rispetto al 2018, quando i dati di fine anno ammontano a 301,9 milioni – che è stato un calo di 5,4 milioni di bottiglie sul totale 2017 (il record di spedizioni risale al 2007 con 338 milioni di bottiglie spedite, superando così il boom del 1999, 327 milioni di bottiglie per festeggiare il cambio di secolo.

Il calo delle consegne riguarda principalmente un rallentamento delle vendite sul mercato francese, continuando un calo che prosegue in quel Paese dal 2018. Tuttavia, le cause di un calo del consumo di Champagne in tutta la Francia nel 2019 sono state diverse dall’anno precedente, quando le azioni dei cosiddetti gilets jaunes sono state accusate di causare un calo delle vendite, avendo creato blocchi in tutto il paese durante la fine dell’anno in aggiunta alle proteste distruttive nel centro di Parigi. Negli ultimi 12 mesi, tuttavia, le ragioni della scivolata di vendita in Francia sono state legate principalmente all’avvio di una nuova legislazione sul commercio al dettaglio, che disciplina rigorosamente le promozioni dei supermercati.

Chiamata EGalim Act, è entrata in vigore il 1o gennaio 2019 come sperimentazione di due anni per alimenti e bevande e, tra una serie di restrizioni, impedisce ai supermercati di spostare più del 25% delle loro vendite su offerta promozionale, con un tetto alle riduzioni di prezzo al 34% del produttore valore di vietare le offerte “buy-one-get-one-free” .

Si ritiene inoltre che lo Champagne poco costoso, in particolare quelle etichette che si basano sugli sconti sui prezzi per attirare i consumatori, abbia perso parte della sua brillantezza, sia in Francia che nel Regno Unito, dove l’offerta più economica dello Champagne è in declino da lungo termine. Al contrario, i marchi storici e famosi, così come le etichette più forti, comprese quelle di proprietà di coltivatori, stanno sperimentando una domanda crescente e un fatturato crescente.

Va anche notato che non è solo il mercato francese che ha reso difficile l’anno scorso la vita dello Champagne, con, ad esempio, i produttori della regione che hanno dovuto affrontare problemi a Hong Kong, a causa delle continue proteste in città.

Altro problema per la regione: la nuova generazione di consumatori nei mercati maturi per lo Champagne non beve le bollicine francesi nelle stesse quantità della precedente in una fascia di età più avanzata. Questo si riferisce a un maggior numero di persone che scelgono di astenersi dall’alcol del tutto, oppure optano per altre bevande per segnare occasioni speciali e sociali: bevande miste a base di gin, cocktail, rosé o spumanti come il Prosecco.

Non tutto il male viene per nuocere: i dati del 2018 hanno registrato il primo calo di consegne, ma anche un nuovo record in termini di fatturato, e, si pensa che la regione potrebbe aver superato quella cifra nel 2019. Commentando gli ultimi 12 mesi per Champagne, amministratore delegato di Bollinger, Charles-Armand de Belenet, ha espresso una visione ottimistica per la regione. «La cifra ufficiale delle consegne sarà inferiore a 300 milioni , il che è piuttosto uno shock per il mondo dello Champagne… Ma in termini di fatturato, la mia ipotesi è che lo Champagne sarà positivo. Siamo a un punto di svolta per Champagne; è ora il momento del valore».

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail