Cina, import del vino crollato del 30% a maggio. Soltanto l’Argentina riesce a crescere, ma grazie al vino sfuso

Secondo i dati diffusi dalla China Association for Imports and Export of Wine Spirits (CAWS), da gennaio a maggio 2020, il mercato dell’alcol importato ha continuato ad essere messo sotto pressione e il suo declino è stato accelerato dalla pandemia. Il volume totale di alcol importato in Cina è stato di 480 milioni di litri, in calo del 29,07% rispetto all’anno precedente. Il calo cumulativo di volume è stato di circa il 2% in più rispetto al dato registrato da gennaio ad aprile. Nel frattempo, il valore totale delle importazioni di alcol è stato di 1,34 miliardi di dollari, in calo del 31,4% rispetto all’anno precedente, e il calo cumulativo del valore è aumentato di quasi il 4% da gennaio ad aprile.

Tra le principali categorie, il volume e il valore del vino importato diminuiscono di oltre il 30%; il volume e il valore della birra importata sono diminuiti di oltre il 20% e il volume delle importazioni di alcolici è diminuito di oltre il 40% rispetto all’anno precedente, ma il calo del volume delle importazioni è rimasto relativamente modesto al 6%.

Il volume totale del vino importato nei primi cinque mesi dell’anno è stato di 180 milioni di litri, per un valore di 690 milioni di dollari. Il volume cumulativo è diminuito di oltre il 30%, rappresentando il 51,1% della quantità totale di alcol importato. Il vino in bottiglia rappresenta il 94,2% del totale delle importazioni di vino, mentre il vino sfuso ha una quota del 5,8%.

Da gennaio a maggio, soltanto l’Argentina ha mostrato un continuo aumento sia del volume delle importazioni che del valore. Gli altri grandi paesi da cui la Cina importa vino hanno mostrato una tendenza al ribasso. Il volume e il valore del vino australiano sono diminuiti del 2% al 4 % da gennaio ad aprile, ma il paese è rimasto in cima alla classifica delle importazioni al 37,6% del vino totale importato. Anche la quota di mercato della Francia è rimasta stabile durante il periodo e il paese rimane inferiore del 12% a quella dell’Australia. Il Cile ha subito un calo del volume e del valore cumulativi di oltre il 40%, ma è rimasto il terzo mercato di esportazione più grande. La quarta e la quinta quota di mercato da gennaio a maggio di quest’anno sono stati vini provenienti da Italia e Spagna.

La tendenza all’aumento dell’espansione dell’Argentina è dovuta principalmente alla recente crescita esponenziale del vino sfuso. Da gennaio ad aprile, la Nuova Zelanda ha registrato un calo cumulativo del volume e del valore del 20%, ma la sua classifica di quota di mercato è passata dall’undicesimo al nono posto.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail