Addio a Barry Sterling: con Iron Horse produsse le migliori bollicine californiane, amate da sei Presidenti

All’età di novant’anni, è deceduto Barry Sterling, pioniere dell’industria dello spumante californiana e co-fondatore di Iron Horse Vineyards, uno dei vini protagonisti del Challenge internazionale Euposia, presentato in una degustazione esclusiva al Vinitaly di qualche anno fa. Sterling è deceduto, dopo una lunga malattia, domenica nella sua casa, secondo un comunicato della famiglia.

Avvocato diventato viticoltore, Sterling, insieme alla moglie Audrey, acquistò la tenuta Iron Horse nel 1976 in un momento in cui piantare nella contea di Sonoma era ancora sconsigliato a causa del rischio di gelo. Mentre produceva ancora Chardonnay e Pinot Nero, Iron Horse divenne famoso per il suo spumante, e insieme al Domaine Chandon di LVMH, fu uno dei pionieri delle bollicine di alta qualità. I vini spumanti di Sterling sono stati serviti alla Casa Bianca durante sei mandati presidenziali consecutivi, da Ronald Reagan a Donald Trump in carica.

Nato il 25 ottobre 1929 a Los Angeles, Sterling si è laureato alla Stanford University. Prestò servizio come membro del JAG, Judge Advocate General’s Corps a Washington D.C., e aiutò lo staff legale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti durante le udienze del Senatore McCarthy. In seguito ha continuato ad aprire uno studio legale a Los Angeles, e insieme a sua moglie, è stato anche un membro fondatore del Los Angeles Music Center e del Los Angeles Art Museum. Fu durante un periodo in Francia negli anni ’60 che si appassionò al vino, e lì fu ispirato a sviluppare un proprio progetto dopo aver correttamente indovinato un vino di Cahors in un concorso di degustazione alla cieca. Dopo aver ufficialmente aperto la cantina Iron Horse nel giorno del suo 50.mo compleanno nel 1979, Barry e Audrey furono determinanti nella creazione della Green Valley AVA, una sotto-regione della Russian River Valley, dove si trova la loro cantina.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail